Adriatico

You are currently browsing articles tagged Adriatico.

Meteo a Chieti - clicca per ingrandire

L'Aquila . clicca per ingrandire

weekend su AbruzzoIl weekend si attende piuttosto fresco per il versante Adriatico. L’Anticiclone delle Azzorre sta rimontando su una direttrice prevalentemente meridiana posizionandosi sulle isole britanniche e su parte dell’Europa centrale. Questa collocazione indubbiamente contribuirà ad un aumento della pressione su gran parte della nostra penisola e tuttavia consentirà alle correnti relativamente fredde del Nord Europa di scorrere lungo il suo bordo orientale. Il varco sui Balcani lascerà esposte l’Abruzzo e tutte le altre regioni del medio e basso versante Adriatico ad una significativa recrudescenza dell’instabilità che determinerà un netto calo delle temperature, senza escludere eventuali ulteriori peggioramenti con l’arrivo di aria molto umida dal Mediterraneo sud orientale.

aprile_europaLa seconda decade di Aprile finalmente vedrà il graduale ristabilimento delle condizioni atmosferiche verso una stabilità complessiva che é’ propria del periodo. Un campo di alta pressione subtropicale in progressivo sviluppo dal nordafrica causerà l’arretramento del flusso ciclonico nordeuropeo favorendo un rialzo sostanziale delle temperature. Tale scenario, almeno nella sua iniziale evoluzione, riguarderà principalmente il centro-sud della penisola; le regioni settentrionali continueranno, tuttavia, a risentire di infiltrazioni più fresche di provenienza atlantica che favoriranno manifestazioni temporalesche per lo più pomeriane lungo tutto l’arco alpino.
Certo é ancora presto per parlare di primavera piena, considerando che l’anticiclone comincia appena adesso il tentativo di rimonta, a fronte di una configurazione barica che nell’area scandinava-artica avrebbe ancora qualcosa da dire. I modelli matematici, infatti, propongono l’ipotesi di nuove infiltrazioni fredde dalla Siberia dalla metà di Aprile, capaci di scalzare l’alta pressione dal Mediterraneo centrale riportando, sia pure con più moderazione, nuove condizioni di instabilità sull’Italia. Una situazione dunque particolarmente dinamica che andrà monitorata con attenzione ed eventualmente confermata.